Donazione eccezionale: alla Parrocchia di Gandino il guardaroba del Beato Innocenzo XI

Dopo circa due anni di scambi epistolari e di viaggi a Roma, con orgoglio possiamo rendere pubblico l’oggetto della donazione. La famiglia dei principi Odescalchi di Roma, ha deciso di consegnare il quasi totale guardaroba del Beato Innocenzo XI, conservato e fino a Maggio scorso, esposto nella cappella gentilizia posta all’interno di palazzo. La cappella venne realizzata in occasione della beatificazione avvenuta nel 1959 in uno spazio posto al piano terra, e con accesso disponibile a ciascun discendente. Con la generosa donazione, attualmente possiamo attestare che la parrocchia di Gandino ha il numero più considerevole di vesti appartenute al Beato Innocenzo XI. Si tratta di un guardaroba che copre un importante spazio temporale e che interessa la moda e l’abbigliamento utilizzato durante i viaggi come semplice civile, come cardinale e successivamente come pontefice. Il guardaroba si compone di un numero cospicuo di pezzi e che descrivono la moda, attraverso gli abiti corali della carriera ecclesiastica di pieno Seicento. Oltre alle vesti, si aggiungono una serie di oggetti che vanno a comporre e descrivere meglio l’abbigliamento pontificio utilizzato nella seconda metà del XVII secolo, come camauri, scarpette, zucchetti, cappelli e borsine, lettere e Agnus Dei. La donazione è composta da un centinaio di pezzi, dove talvolta più parti compongono un’unica veste e che, attraverso tipologie differenti di tessuto, vanno ad arricchire ulteriormente il già importante e cospicuo patrimonio tessile conservato in museo. Un esempio è la zimarra in velluto cesellato di color nero. Sono presenti anche due vesti bianche, una delle quali, grazie alla cessione da parte dei Musei Vaticani. Ritengo che per la comunità di Gandino, per la Basilica e per il Museo, questo sia un evento che riveste un’importanza di alto profilo storico e religioso. La conditio sine qua non è che la donazione possa essere visibile e accessibile in qualsiasi momento da parte dei fedeli e di studiosi. Da questa richiesta, abbiamo pensato di mettere a disposizione lo spazio della cripta della Basilica, per allestire un’esposizione permanente, dove venga raccontata, attraverso molti aspetti, la figura ed il magistero di Innocenzo XI. Il progetto è arduo ed impegnativo ma sono certo che porterà tanta soddisfazione e numerose collaborazioni proficue. Il mio sincero grazie, alle numerose persone che mi hanno affiancato in questo nuovo percorso e che sono state di supporto, consigliandomi e sostenendomi con saggezza.
Francesco Rizzoni

Rettore del Museo della Basilica di Gandino

Custode della Basilica di Gandino

Alcuni link con articoli e interviste:

https://primabergamo.it/cultura/donazione-eccezionale-alla-parrocchia-di-gandino-il-guardaroba-del-beato-innocenzo-xi

AVVISO IMPORTANTE : CONFERENZA STAMPA

La Parrocchia di S. Maria Assunta ed il Museo della Basilica di Gandino sono stati fatti oggetto di un’importante donazione che riveste il carattere dell’eccezionalità.

La S.V. è invitata alla conferenza stampa che si terrà presso l’Auditorium Maconi della casa parrocchiale di Gandino – Via Bettera, 14, alle ore 11,00 di sabato 8 giugno p.v..

Presentazione della donazione e dei relativi progetti.

Se impossibilitati a partecipare personalmente potete collegarVi online tramite il seguente link: https://business.facebook.com/events/435269372737861/

RSVP entro le ore 12,00 di venerdì 7 giugno p.v. all’indirizzo mail: segreteria.museo@gmail.com

Ringraziando per la cortese attenzione ci è gradita l’occasione per porgerVi i ns/ più cordiali saluti.

IL PREVOSTO

don Ferruccio Garghentini

IL RETTORE DEL MUSEO

Francesco Rizzoni

ORARI DI APERTURA

IL MUSEO DI ARTE SACRA SARA’ APERTO NEI SEGUENTI ORARI:

Sabato, domenica e festivi dalle ore 14:00 alle 19.00, ultimo ingresso alle ore 18:00.

Rimane invariata la possibilità di visite durante la settimana dalle 10:00 alle 18:00 SOLO SU PRENOTAZIONE.

L’accesso ai disabili è attualmente possibile solo su prenotazione, almeno una settimana prima, anche il sabato, domenica e festivi.